banner-diritti-p

Scegliere la società
L'esercizio comune di un'impresa da parte di più persone comporta necessariamente la costituzione di una società. In mancanza di un accordo esplicito, è la legge stessa a stabilire di che tipo di società si tratta, e le regole a cui è sottoposta. E' il caso della “società di fatto”, che fino a non molti anni fa era pacificamente ammessa e anche largamente diffusa, ma attualmente crea molti problemi per la presenza di una serie di norme che richiedono la pubblicità delle attività economiche (registro delle imprese). Oggi più che mai, è dunque opportuno scegliere consapevolmente il tipo societario più adatto alle proprie esigenze.
Le società si dividono in tre grandi categorie: società di persone, società di capitali e società cooperative.

Le società di persone sono le più semplici ed economiche, e per questo sono generalmente preferite dalla piccola impresa. Per contro, esse comportano la responsabilità illimitata dei soci per le obbligazioni sociali: il singolo socio risponde con tutto il proprio patrimonio per i debiti della società. La responsabilità è estesa a tutti i soci nella società semplice e nella società in nome collettivo (s.n.c.), mentre è limitata ai soci accomandatari nella società in accomandita semplice (s.a.s.), dove i soci accomandanti rischiano solo la somma conferita nel capitale della società. Tra le società di persone, la società semplice può avere come oggetto solo l'esercizio dell'agricoltura o la gestione di immobili, mentre le altre società possono esercitare anche imprese commerciali.

Le società di capitali hanno una gestione più complessa, e pertanto più onerosa rispetto alle società di persone. Esse, però, consentono una completa separazione tra il socio e la società, la quale è dotata di personalità giuridica. Per le obbligazioni sociali, risponde solo la società con il suo patrimonio, mentre la responsabilità del socio è limitata alla quota di capitale sottoscritta. Per queste ragioni, le società di capitali sono preferite dalle imprese medie e grandi.
I due tipi principali di società di capitali, la società per azioni (s.p.a.) e la società a responsabilità limitata (s.r.l.) erano fino a oggi molto simili tra loro. La riforma entrata in vigore nel 2004 ne ha accentuato le differenze, tenendo conto della diversa “vocazione” dei due tipi sociali. La s.r.l. è la forma destinata idealmente alle società con una base sociale ristretta, cioè composte da pochi soci, che si conoscono bene tra loro, sono più strettamente legati all'impresa sociale e spesso appartengono a un unico gruppo familiare. Essa beneficia quindi di una generale semplificazione, che dovrebbe renderla interessante anche per le piccole imprese. La s.p.a. è invece più adatta alla grande impresa, dove il collegamento tra il socio e la società è spesso rappresentato da un semplice investimento di capitale, e la facilità di circolazione delle azioni è più importante. La nuova disciplina delle s.p.a., pur prevedendo una certa flessibilità, conserva una struttura piuttosto rigida a garanzia dei soci che spesso sono più investitori che imprenditori. Nella s.p.a. si ha di solito una separazione tra proprietà e amministrazione, e per questo la legge prevede, tra l'altro, un organo obbligatorio di controllo sulla regolarità della gestione e sulla contabilità.

Le società cooperative sono caratterizzate dalle finalità mutualistiche. A differenza delle altre società, infatti, il loro scopo principale non è la divisione degli utili. I soci traggono vantaggio dalla partecipazione alla società solo per le opportunità di lavoro che ne derivano (cooperative di produzione e lavoro), oppure per la possibilità di acquistare beni e servizi a condizioni più vantaggiose rispetto a quelle di mercato (cooperative di consumo). In seguito alla riforma, le cooperative si dividono in due categorie, quelle a mutualità prevalente e quelle che non hanno questa caratteristica. Le agevolazioni fiscali sono riservate esclusivamente alle cooperative a mutualità prevalente.
Il notaio può aiutarvi a scegliere il tipo societario più adatto alla vostra impresa.

Cerca nel Sito
I nostri libri e manuali pratici

I miei diritti lifondo Manuale-compr-icona Mutuoid-icona Eredità e donazioni Pasgen-icona L'impresa agricola Comprare la Casa Le imposte sulla compravendita immobiliare

Seguici

Se vuoi ricevere gratuitamente gli aggiornamenti sulle novità legislative e fiscali, iscriviti alla Newsletter o seguici su Facebook e Twitter.





Dove Siamo

I nostri uffici sono a:
STRADELLA (PV)
Via Dallagiovanna 16 (sede)
PAVIA
Viale Cesare Battisti 17
Mappa e orari
Il notaio può stipulare atti anche nelle province di Milano, Lodi, Monza, Varese, Como, Lecco, Sondrio.

Consulenze

Chiedi il preventivo per una consulenza personalizzata sulle materie di competenza notarile, direttamente via e-mail o con un appuntamento nei nostri uffici.